Vai
PAGA IN 3 RATE CON PAYPAL
PAGA IN 3 RATE CON PAYPAL
    Gli attacchi informatici più comuni

    Gli attacchi informatici più comuni

    Che ciò riguardi la vita professionale o quella privata, la paura degli attacchi informatici è quanto mai attuale.

    Tutti sono a conoscenza del fatto che, in alcuni casi, gli attacchi in questione possono essere davvero molto pericolosi. Non tutti sanno però quali e quanti possano essere gli attacchi, né in cosa consistano esattamente.

    In questo articolo, ti forniamo una piccola guida agli attacchi informatici più comuni.

    Attacchi informatici: cosa sono

    Prima di tutto: cos’è, esattamente, un attacco informatico?

    Un attacco informatico consiste in una serie di azioni malevole e intenzionali messe in atto da persone o organizzazioni nei confronti di account privati o aziendali, allo scopo di ottenere vantaggi, per lo più di tipo finanziario.   

    La condizione necessaria perché un attacco informatico vada a buon fine è la vulnerabilità di una rete, di un database, di un account di posta elettronica o di un CRM.

    La vulnerabilità dev’essere tale da consentire agli hacker di aprirsi un varco per rubare dati bancari o identità e attaccare il sistema dall’interno.  

    Gli attacchi informatici sono sempre più in crescita, purtroppo. Al tempo stesso, però, sempre più diffusi sono gli strumenti per impedirli, come ad esempio i tool che permettono la creazione di password sicure.

    Il Malware

    I malware rappresentano un attacco informatico molto diffuso e pericoloso.  In questo caso, un hacker effettua un accesso non autorizzato al sistema e installa un programma specifico per portare a termine il suo attacco.

    In termini pratici, il malware si avvia spesso attraverso l’apertura di file allegati via mail o via clic su link sconosciuti.

    Dopo essere entrato nel sistema, il malware causa una serie di danni, a volte anche irreversibili:

     

    • Installazione di altri malware o software dannosi
    • Spyware, ovvero l’accesso a informazioni riservate
    • L’inutilizzabilità del sistema
    • Il ransomware, ossia il blocco dell’accesso agli elementi che costituiscono la rete

     

    Il DDOS, Distributed Denial of Service

    DDOS sta per Distributed Denial of Service. Si tratta di un attacco informatico che ha lo scopo di bloccare l’account colpito per mezzo del bombardamento continuo di worm e virus sul sistema sotto attacco.  

    Le modalità di azione del DoS sono soprattutto due:

    • il blocco del sistema per mezzo di una inondazione di input, che rendono impossibile qualsiasi attività;
    • la creazione di dati customizzati: al sistema vengono inviati dati creati su misura il cui scopo e quello di bloccare l’attività

    Il DbD,

    DbD sta per Drive by Download. Si tratta di una minaccia informatica molto estesa e in grado di provocare danni ingenti.  Si concretizza per mezzo dell’apertura di un software piratato, allegato ad una mail o proveniente da un link.

    Attraverso di essi, l’hacker può installare malware e virus che hanno lo scopo di rendere inutilizzabile l’account e rubare dati sensibili.

     

    Il Pishing

    Il phishing è tra gli attacchi informatici più diffusi in assoluto.  Si realizza per mezzo di comunicazioni truffaldine che invogliano l’utente a compilare una procedura di invio dei propri dati sensibili.

    La sua riuscita dipende dal fatto che si basa su e-mail truffaldine facilmente scambiabili per autentiche grazie alla presenza di loghi autorevoli e di un linguaggio credibile. Spesso, però, sono riconoscibili grazie al dominio (gmail o nomi stranieri).

    L’elemento efficace è anche il contenuto del messaggio: si invita l’utente ad eseguire lo sblocco pena difficoltà e problematiche che non riuscirà a gestire.

    Il man in the Middle

    Man in the Middle significa uomo in mezzo. L’obiettivo di questo attacco è quello di dirottare il traffico tra due host verso un terzo per rubare dati bancari.

    Le vulnerabilità sfruttate per sferrare questo attacco sono di solito:

    • Reti non sicure;
    • Installazione di un malware capace di rendere la rete non sicura.

     

    Gli attacchi informatici: come difendersi

    Sono molte le strategie che possono consentirci di stare al sicuro e di evitare i più comuni attacchi informatici. Scegliere password sicure, osservare regole di buona condotta nell’apertura di mail e link, usare un buon firewall e molto altro.

    Se vuoi saperne di più e ti occorrono dei consigli in materia, contattaci!

    Articolo precedente Microsoft passa a Windows 11: cosa c’è da sapere
    Articolo successivo PC e workstation: qual è la differenza?