Vai
GARANZIA SU TUTTI I PRODOTTI FINO A 15 MESI
GARANZIA SU TUTTI I PRODOTTI FINO A 15 MESI
Notebook per Studenti: guida base all’acquisto per genitori

Notebook per Studenti: guida rapida all’acquisto per genitori

Il nuovo anno scolastico è alle porte e tu, da bravo genitore, sarai sicuramente alla ricerca di informazioni su quale siano le caratteristiche migliori che un notebook deve avere per accompagnare tuo figlio durante gli studi. 

Lo sappiamo, non vuoi sbagliare. Non vuoi spendere una cifra spropositata per un pc ad alte prestazioni che poco serve se tuo figlio deve svolgere qualche compito con Microsoft Word o, viceversa, non vuoi spendere poco per acquistare computer a basse prestazioni se, ad esempio, se ad esempio tuo figlio ha la necessità di creare modelli 3D.

Cosa devi considerare prima di acquistare un pc per la scuola?

La Dad e la pandemia hanno davvero rivoluzionato il modo di vivere la scuola. Il computer è diventato strumento essenziale per lo svolgimento dell’anno scolastico.

Utilizzare un pc deve essere semplice come utilizzare carta e penna e questo perchè uno studente deve svolgere sono tante attività che richiedono software diversi:

  • per i fare i compiti, ricerche, e calcoli sono necessari Microsoft Word ed Excel;
  • Skype è la piattaforma di streaming che permette di seguire le lezioni in diretta da casa;
  • aprire, modificare, salvare foto e file deve avvenire in maniera rapida e senza blocchi del sistema che mandano in fumo ore di studio.

Di attività ce ne sarebbero tante altre, ma da dove iniziare a dare uno sguardo?

Se cerchi un notebook per per la scuola, 400 euro è circa il prezzo base da cui partire. Con questa cifra puoi portare a casa un buon pc un senza rinunciare alle prestazioni essenziali. Le azioni più semplici come, modificare un file, scrivere, seguire lezioni online (e perchè no, anche svagarsi guardando un film in streaming) avvengono in maniera fluida e senza intoppi.

Ovviamente, man mano che aumenta la complessità degli studi, aumenta il numero di programmi da installare e dunque maggiori sono le prestazioni che un computer deve avere  il cui prezzo potrebbe toccare fino anche i 1000 €.

Prima di guardare le caratteristiche base, se questi prezzi ti scoraggiano, ti consigliamo di dare uno sguardo ai nostri notebook e pc ricondizionati a prezzo scontato.

Quale caratteristiche deve avere un computer da studio?

In generale possiamo dirti che le caratteristiche minime che devi prendere in considerazione sono per acquistare un pc da studio sono:

  1. Il Sistema Operativo Windows 10 (o MacOS Catilina per i sistemi Mac) aggiornati all’ultima versione al fine di evitare problemi di incompatibilità con i software installati;
  2. Microsoft Office, un extra, ma possiamo affermare che si tratta di un programma fondamentale per affrontare gli studi;
  3. Una Memoria SSD 256 GB (un buon compromesso da cui partire che permette di salvare una quantità considerevole di foto, file e video);
  4. Un Processore Intel i5 o AMD A8. Per gli studenti che eseguono programmi pesanti o software ad alta intensità grafica, potrebbe valere la pena spendere di più per i laptop con processori Intel Core i5, Intel Core i7 o AMD A10.
  5. Almeno 6 GB di RAM, ovvero un quantitativo sufficiente per poter il sistema operativo e tutti i software installati possano funzionare tranquillamente.
  6. Una batteria di lunga durata che permetta di utilizzare il computer in mobilità per più tempo possibile;
  7. Dimensioni sottili qualora si avesse la necessità frequente di trasportare il notebook in uno zaino;
  8. Una buona scheda video NVIDIA o ATI Radeon se l’area di studio di tuo figlio è quella del disegno 3D.

Ora che hai un quadro generale sulle caratteristiche generali che devi analizzare prima di acquistare un computer per la scuola.

Se hai ancora qualche dubbio non esitare a contattare gli esperti di TGFM Technologies, il nostro staff sarà ben lieto di rispondere ad ogni domanda e a guidarti all’acquisto di un computer configurato secondo le tue esigenze.

Articolo successivo Pc e Notebook ricondizionati o usati: quali sono le differenze?